Quando Bergoglio diceva no all’inter-comunione tra protestanti e cattolici

Questo pontificato ha fatto della mimesi una sua virtù cardinale.

di Sandro Magister

Dal cantone svizzero di San Gallo, un lettore ci fa notare che un paio d’anni fa papa Francesco non faceva affatto presagire quel via libera all’inter-comunione tra cattolici e protestanti che invece oggi sembra consentire senza più remore: > Comunione per tutti, anche per i protestanti.

Il 1 dicembre del 2014, infatti, ricevendo i vescovi della Svizzera in visita ad limina, Francesco li ammonì così, a proposito dei rapporti ecumenici e in particolare dell’inter-comunione tra cattolici e protestanti:

“Dobbiamo fare attenzione a permettere ai fedeli di tutte le confessioni cristiane di vivere la loro fede in maniera inequivocabile e libera da confusione, e senza ritoccare cancellando le differenze a scapito della verità. Quando, per esempio, con il pretesto di un certo andarsi incontro, dobbiamo nascondere la nostra fede eucaristica, non prendiamo sufficientemente sul serio né il nostro patrimonio, né quello del nostro interlocutore”.

“Quantum mutatus ab illo!”, verrebbe da esclamare al vedere l’enorme distanza tra il Bergoglio intransigente di quella volta e quello ultracedevole di oggi. A patto però di trascurare ciò che invece è ormai manifesto a qualsiasi osservatore attento: che cioè questo pontificato ha fatto della mimesi una sua virtù cardinale.

Come per la comunione ai divorziati risposati, anche per l’inter-comunione ecumenica papa Francesco procede con continui stop and go. Dice, disdice, contraddice e poi ancora ridice. Ma proprio grazie a questo gioco dialettico porta ogni volta la Chiesa più avanti nella direzione voluta da lui.

Francesco alla Christuskirche luterana di Roma.
Francesco alla Christuskirche

A leggerlo tutto, appare evidente che il discorso del 1 dicembre 2014 ai vescovi svizzeri non era farina del sacco del papa ma un prodotto d’ufficio, con minimi ritocchi suoi personali, ad esempio dove sollecitava i pastori a “pascere il gregge camminando, secondo le circostanze, davanti, in mezzo o dietro”, oppure dove invitava la Chiesa a non ridursi “solo a una bella organizzazione, un’altra Ong”.

Ma il Bergoglio autentico non è quello che stancamente dà lettura di questi discorsi di routine, che oggi preferisce sempre più consegnare agli astanti, senza nemmeno più leggerli. È invece quello che parla a braccio, in apparente disordine, ma in realtà dispiegando un’oratoria molto sofisticata, da perfetto gesuita del secolo di Pascal.

Come quella ormai divenuta celebre, di sofisticazione forse ineguagliata, da lui usata il 15 novembre 2015 nella Christuskirche luterana di Roma, per dare il via libera, appunto, alla comunione dei protestanti nella messa cattolica, incurante della profondissima distanza che intercorre tra la concezione cattolica dell’eucaristia e quella dei seguaci di Lutero, perché, parole sue, “la vita è più grande delle spiegazioni e interpretazioni”.

© Settimo Cielo (01-07-2016)

Annunci

2 thoughts on “Quando Bergoglio diceva no all’inter-comunione tra protestanti e cattolici

  1. Magister: “Ma il Bergoglio autentico [………………] è quello che parla a braccio, in apparente disordine, ma in realtà dispiegando un’oratoria molto sofisticata, da perfetto gesuita del secolo di Pascal”.

    Chi conosce da vicino il mondo ‘avvocatesco’ sa che una delle tecniche regine dell’arte oratoria forense – utilizzatissima quindi da molti legali – è quella di ‘menare il can per l’aria’ inanellando parole su parole, anche messe lì in apparente spontaneità: aneddoti, citazioni legali, principi etici, ….. e chi ne ha più ne metta. Metterebbero anche le ricette di cucina se questo fosse ammesso,
    Il fine? Confondere l’uditorio frastornandolo di chiacchiere, annebbiandogli il fil di logica e impedendogli così di farsi una visione chiara e lineare del problema.
    Il tutto, nascostamente, per far prevalere la propria tesi e portare così l’acqua al proprio mulino.
    Condotta che pare richiami molto da vicino il gesuitismo gesuiticamente gesuitante.

    Mi piace

  2. È un metodo che oggi usano in molti. Anche molti sacerdoti nelle omelie o nelle catechesi… fanno una grande accozzaglia di nozioni e così fanno passare eresie e falsità a volontà , soprattutto omettendo le parole di Gesù più scomode ed ‘ecclesialmente scorrette’ come “Chi non é con me é contro di me”. É la tecnica del diavolo! Ma quando il Signore dirá basta verranno “rovesciati i potenti dai troni”.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...