Ross Douthat, il giornalista che ha messo a nudo il “papa-re”

C’è un giornalista americano, Ross Douthat, che sta subendo da qualche tempo un vero e proprio linciaggio mediatico dai catto-progressisti del suo paese, in particolare dai gesuiti. Perché questo? Il nostro, infatti, in un editoriale del 17 ottobre, pubblicato nella sua rubrica del “New York Times”, ha avuto il coraggio di esclamare candidamente che il «re è nudo». Abbiamo perciò deciso di tradurre per voi quell’articolo, in modo che i nostri lettori possano rendersi conto non solo di quanto siano intolleranti gli attacchi che Douthat sta subendo – al quale esprimiamo la nostra solidarietà – ma anche ciò che è realmente accaduto negli ultimi due sinodi dei vescovi.

Il complotto per cambiare il Cattolicesimo

di Ross Douthat (17-10-2015)

Sembra che il Vaticano abbia sempre avuto segreti e intrighi di una corte rinascimentale (in un certo senso, è ancora così).

L’umiltà ostentata di papa Francesco, i suoi rimproveri agli alti prelati, non hanno cambiato questo del tutto; se non altro, le ambizioni del Pontefice hanno incoraggiato cospiratori e i loro sostenitori a lavorare con maggior vigore.

E proprio adesso il capo dei cospiratori è il Papa stesso.

_ 001 Bergoglionate -5Lo scopo di Francesco è semplice: favorire la proposta avanzata dai cardinali progressisti di permettere ai divorziati-risposati di ricevere la Comunione senza che il loro matrimonio religioso venga dichiarato nullo.

Grazie al tacito sostegno del Papa, questa proposta è stata la principale polemica nel sinodo dell’anno scorso, nonché di quello in corso a Roma proprio adesso.

Ma anche se il suo scopo è chiaro, il suo percorso è decisamente torbido. Proceduralmente, i poteri del papa sono quasi assoluti. Se un domani Francesco decidesse di ammettere i divorziati-risposati alla Comunione, non vi è alcuna corte suprema che possa impedirglielo.

Allo stesso tempo, però, il Papa non ha alcun potere di cambiare la dottrina cattolica. Questa regola non ha alcun “meccanismo” ufficiale di esecuzione – lo Spirito Santo interviene nei momenti cruciali per ripristinare l’equilibrio – ma la consuetudine vuole che la prudenza, il timore di Dio e la paura di uno scisma, frenino quei papi che potrebbero trovare un’allettante riscrittura dottrinale.

Ed è un cambiamento di Dottrina quello che i cattolici conservatori, molto ragionevolmente, credono che essenzialmente comporti l’ammettere i divorziati-risposati alla Comunione, benché questa proposta sia favorita da Francesco.

Se qualcuno scrivesse un libro sul potere – assoluto e limitato insieme – dell’ufficio papale, ne uscirebbe senz’altro un tomo affascinante. In un’opera del genere, le recenti manovre di Francesco meriterebbero un capitolo particolare, perché egli è chiaramente alla ricerca di un meccanismo che gli permetta di esercitare i suoi poteri senza pregiudicare la sua autorità.

_ 001 Bergoglionate -4La chiave di questa ricerca è stato il sinodo dei vescovi.

Il sinodo in sé non ha un ruolo dottrinale ufficiale (è un organo consultivo, ndr), ma può essere usato per proiettare un’immagine di consenso ecclesiale. Dunque, una forte dichiarazione dei padri sinodali che approvi la Comunione per i divorziati-risposati come un cambiamento puramente “pastorale”, non come un’alterazione dottrinale, renderebbe l’intenzione di Francesco più facile.

Purtroppo tale dichiarazione si è dimostrata difficile da ottenere – perché la maggioranza dei vescovi sono conservatori tanto quanto Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, e anche perché l’argomento “pastorale” è fondamentalmente una stupidaggine.

L’insegnamento della Chiesa sull’indissolubilità del matrimonio è già stato spinto verso un punto di rottura dalla recente riforma voluta da questo papa sui processi di nullità; ammettere alla Comunione chi non ha la dichiarazione di nullità, significa oltrepassare quel punto di rottura.

Quindi, per superare la resistenza da parte della maggioranza dei vescovi, prima il sinodo dello scorso anno e adesso quello di quest’anno, debbono essere “manipolati” – prendendo in prestito un recente libro-inchiesta del vaticanista Edward Pentin – dagli organizzatori, tutti di nomina papale e sbilanciati dalla parte progressista.

I documenti guida del sinodo sono stati preparati con questo obiettivo in mente: favorire la proposta progressista. Il Papa ha scelto gli organizzatori con questo scopo, non esitando a nominare persino un anziano cardinale coinvolto pesantemente nello scandalo degli abusi sui minori, ma comunque alleato per la causa del cambiamento.

La Sala Stampa vaticana ha filtrato (secondo la direttiva papale) ai mass-media i dibatti sinodali, che avvenivano a porte chiuse, sempre favorendo la proposta progressista.

I prelati incaricati di scrivere la relazione finale sono stati selezionati sempre con quest’obiettivo in mente. Lo stesso Francesco, nelle sue omelie quotidiane, ha sempre criticato il cattolicisimo dei “dottori della legge”, i moderni farisei legalisti – un preciso segnale (mal celato) del suo punto di vista.

Anche se, in realtà, nel Nuovo Testamento (cfr. Mt 19, 1-12), furono i farisei ad ammettere il divorzio, al contrario di Gesù, che lo rifiutò.

Eppure il piano di papa Francesco non è destinato necessariamente a riuscire.

È stato riferito che ancora non c’è nulla di simile ad una maggioranza minima che, al sinodo, sostenga la proposta progressista; probabilmente per questo gli organizzatori scommettono più che altro sulla riuscita del documento finale. Ma i conservatori (americani, africani, polacchi, australiani) quest’anno non si sono fatti prendere di sorpresa: con uscite pubbliche e appelli privati al pontefice hanno fatto capire che non accetteranno “trucchetti”.

L’intera situazione è ricca di ironie.

I vecchi progressisti hanno pensato di aver colto il momento in cui avrebbero definitamente sconfitto i conservatori più giovani, credendo di possedere il futuro del cattolicesimo. I vescovi della “giovane Africa cristiana” stanno difendendo la fede cattolica del vecchio continente europeo dall’assedio dei colleghi tedeschi e italiani, stanchi del proprio patrimonio. Un papa gesuita di fatto in contrasto con la Congregazione per la Dottrina della Fede, quella che fu la Santa Inquisizione.

Ross Doutht
Ross Douthat

Per un giornalista cattolico – per qualsiasi giornalista – è una storia affascinante.

Parlando da giornalista, non so come andrà a finire.

Parlando come cattolico, mi aspetto che il complotto, alla fine, fallisca; là dove il papa e la “fede storica” sembrano essere in caduta, la mia scommessa è sulla Fede.

Ma per un’istituzione che misura la sua vita lungo i secoli, la “fine” può richiedere molto tempo prima che arrivi.

© THE NEW YORK TIMES (Clicca qui per l’originale)

Annunci

3 thoughts on “Ross Douthat, il giornalista che ha messo a nudo il “papa-re”

    1. “….la proposta avanzata dai cardinali progressisti di permettere ai divorziati-risposati di ricevere la Comunione senza che il loro matrimonio religioso venga dichiarato nullo.”
      Il punto chiave è proprio in questo passaggio 😦
      è qui la gravità non solo di una semplice proposta che un vescovo o un cardinale non dovrebbero neppure fare….. ma che stanno proprio imponendo a tutta la cattolicità andando in tal senso a modificare la dottrina del vangelo sul come e chi debba ricevere l’Eucaristia.
      Se il matrimonio precedente non viene dichiarato nullo, nessun papa può legittimare la recezione della Comunione a chi resta sposato in seconde nozze e pure civili, è proprio contro la dottrina un simile atteggiamento.
      E questo perchè, restando legittimo il vincolo sacramentale del primo matrimonio, il secondo è un adulterio, che non è una parolaccia, ma significa “FALSIFICARE”…. infatti, se quel primo vincolo non viene dichiarato nullo, la seconda unione è illegittima è FALSIFICARE quella unione che la chiesa ritiene legittima, VALIDA.
      Perciò UNO dei due matrimoni è FALSO-ADULTERARE… o è falso il primo o è falso il secondo, non si scappa, altrimenti diventa poligamia anche se uno dei due non viene più vissuto dalla coppia.
      Inoltre – il secondo matrimonio – restando in piedi e valido il primo, è solo CIVILE è come aprire le porte per la Comunione A TUTTI I CONVIVENTI… e a questo punto, perchè non darla a TUTTI anche ai protestanti o agli ortodossi? così infatti sottolineava Padre Riccardo Barile O.P. si legga qui.
      http://www.lanuovabq.it/it/articoli-quel-buonismo-pastorale-che-cancella-il-peccato-14180.htm
      che dice:
      “….. dato il fondamento nella Scrittura e data la motivazione simbolica determinante, come si fa a parlare di una legge solo ecclesiastica e liturgica modificabile? E poi, se si trattasse solo di una legge ecclesiastica, perché fermarsi ai divorziati risposati? Perché non ammettere all’Eucaristia ortodossi e protestanti? Sarebbe un bel modo di accelerare l’ecumenismo, tanto che, avendo raggiunto il suo traguardo, non avrebbe più ragione di essere, a meno che… a loro volta siano gli ortodossi a non ammettere alla comunione questa razza di cattolici!”

      Io ci aggiungevo: perchè non darla a TUTTI, anche a tutti i conviventi? il matrimonio civile – per la chiesa – ha più valore di quello sacramentale?
      se così fosse c’è davvero qualcosa che non va…. e questo giornalista deve averlo fatto emergere tanto da essere perseguitato come chiunque si azzardasse a dire che “il re è nudo” 😉

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...